• Benexere
  • Benexere

SOLARIUM

OTTENERE UN'OTTIMA ABBRONZATURA

Prima di tutto è importante sapere che la pelle si rigenera completamente dopo circa 28 giorni ed è quindi inutile provare a conservare la propria abbronzatura oltre. Con alcuni accorgimenti però possiamo far sì che la nostra abbronzatura sia più bella e ci dia un aspetto altamente salutare.  E’ consigliabile per esempio effettuare una scrub approfondito e completo della pelle, prima di fare la lampada, così da eliminare le cellule morte superficiali. Questo garantirà una maggiore resa della lampada e più lucentezza alla nostra pelle. Se invece lo scrub sarà fatto dopo elimineremo sì le cellule morte, ma anche parte del colore, accorciando la durata della nostra abbronzatura.   Il grande nemico dell’abbronzatura e della pelle poi è la disidratazione che toglie lucentezza e colore alla nostra pelle, desquamandola e aumentando la visibilità delle rughe. Quindi la parola d’ordine è IDRATARE.  Un ulteriore "aiuto" all'abbronzatura arriva dagli alimenti e dalla vostra dieta. Come molti sapranno una dieta ricca di carote è un vero toccasana per l'abbronzatura. Il betacarotene contenuto nelle carote infatti è un precursore della vitamina A (può essere cioè trasformato in vitamina A) che stimola la produzione di melanina. Inoltre ha una funzione protettiva dagli effetti dannosi degli UV.    Il betacarotene ha inoltre innumerevoli vantaggi quali una generale protezione verso le sostanze potenzialmente nocive, un aiuto per la vista, per la riparazione dei tessuti e nel mantenimento di una pelle liscia e morbida. Esso non si trova solo nelle carote ma in generale in tutti i frutti e le verdure di colore arancione. E' inoltre presente in grandi quantità nel fegato di merluzzo e nell'olio di fegato di merluzzo, che però non sono proprio la colonna portante della dieta in estate. 

COSA E' L'ABBRONZATURA?

L’abbronzatura è una forma di protezione della pelle dai raggi UV.  Essa consiste nella colorazione della melanina, pigmento responsabile del colore e presente nella pelle, nei capelli e persino negli occhi. Gli individui che non hanno melanina sono i cosiddetti malati di “albinismo”.   Quando ci esponiamo ai raggi UV, siano essi provenienti dal Sole o da una macchina abbronzante, la nostra pelle reagisce in modo diverso a seconda del tipo di raggi che riceve. I raggi UV infatti si dividono in tre categorie:

UVA: Questi raggi, che possiedono poca energia, penetrano a fondo nella pelle, raggiungendo il derma. Sono presenti in percentuali superiori al 95% nella luce solare e forniscono una abbronzatura “diretta”. Gli UVA infatti colorano la melanina donandoci un gradevole colore dorato. 

UVB: Questi raggi, che possidono media energia, hanno minore capacità di penetrazione della pelle. Gli UVB si fermano tra il derma e l’epidermide e possono essere responsabili di arrossamenti ed eritemi, però hanno il pregio di stimolare i melanociti alla produzione di nuova melanina.

UVC: Sono raggi ad elevata energia che non penetrano la pelle (si fermano al primo strato) ma sono altamente dannosi per l’uomo. Non sono comunque presenti né nella luce solare (vengono filtrati dall’ozono, buco permettendo) né nelle macchine abbronzanti (dove vengono filtrati dai filtri al cobalto nelle macchine ad alta pressione o dal fosforo nelle bassa pressione).

CENTRO ESTETICO BENEXERE | 69, Via Machiavelli - 09131 Cagliari (CA) - Italia | P.I. 03395720927 | Tel. +39 070 7540545   - Cell. +39 392 0354570 | benexerecagliari@gmail.com | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy